Cosa è il piano impresa 4.0

Si tratta di un insieme di misure e agevolazioni che hanno come obiettivo principale quello di favorire gli investimenti per l’innovazione e per la competitività delle varie imprese. Il termine Impresa 4.0 indica la quarta rivoluzione industriale, il processo che porterà alla produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa.

Impresa 4.0 2020

Nella Legge di Bilancio 2020 vengono delineate le nuove agevolazioni per le Aziende. Il cambiamento principale riguarda la trasformazione dell’iperammortamento e superammortamento in credito d’imposta.

Credito d’imposta

Il nuovo credito d’imposta 2020 prevede una percentuale diversa in base alla tipologia di investimenti effettuati:

  • Per gli investimenti in beni materiali Industria 4.0 (beni compresi nell’allegato A – Legge di Bilancio 2017): 40% del costo di acquisto per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro e 20% per la quota di investimenti oltre 2,5 milioni di euro e fino a un limite massimo dei costi ammissibili, pari a 10 milioni di euro;
  • Per gli investimenti in beni immateriali 4.0 (beni compresi nell’allegato B – Legge di Bilancio 2017): 15% del costo di acquisto con un limite massimo di costi ammissibili pari a 700.000 euro;

Il credito d’imposta può essere utilizzato in cinque anni a decorrere dall’anno successivo a quello di entrata in funzione dei beni, ad eccezione dei software il cui periodo è ridotto a tre anni.

Tempistiche

Il credito d’imposta vale per investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato acquistati dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 a condizione che entro il 31 dicembre 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e pagato un acconto maggiore al 20% del costo di acquisizione.

Chi può usufruire del credito d’imposta?

Possono accedere al credito d’imposta tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito.

Cosa succede per gli investimenti decisi nel 2019?

Per gli investimenti per i quali sia già stato dato acconto del 20% entro il 31 dicembre 2019, o siano stati acquisiti nel 2019 ma non ancora interconnessi, non cambia nulla e viene applicata la vecchia normativa del 2019.